Immagine testata

LIZZIE MCGUIRE

Deliziosi i siparietti di animazione dove la protagonista si trasforma in cartoon per dare una propria interpretazione della vita
Continua a leggere

E' imprevedibile e scoppiettante, Lizzie McGuire, (interpretata da Hilary Duff) una tredicenne la cui personalità sconfina anche nel mondo fantastico dei cartoni animati. Infatti nella nuova originalissima serie di Disney Channel, incentrata sulla quotidianità di una adolescente americana che frequenta la terza media, è il suo colorato alter ego a cartoni animati che interviene nelle diverse vicende. Con la sua magliettina raffigurante un unicorno bianco Lizzie ogni giorno affronta i genitori, il fratellino, gli amici e la scuola, dando una sua personalissima e divertentissima interpretazione di ciò che le accade in quella fase critica che è la adolescenza, sempre con uno sguardo fresco e divertito, capace di cogliere le contraddizioni dei grandi.

Ma fortunatamente ci sono anche Miranda e Gordo, i suoi migliori amici, a offrirle un utile sostegno alle sue bizzarrie. Ma è il suo alter ego di cartone a commentare e sottolineare gli aspetti comici della realtà: Lizzie, infatti, sogna in continuazione ad occhi aperti e la sua versione animata interpreta ed avvera i suoi desideri creando comicissimi spunti. Così il sogno di poter baciare Brad Pitt diventa realtà, come quello di ballare su un palcoscenico come Britney Spears, ma questo, solo in quel mondo parallelo dell'animazione, dove quel simpatico rompiscatole del fratellino Matt di dieci anni non può interferire, né ridicolizzare le sue ambizioni.

Fresca e vivace, scritta e diretta in modo unico ed originale, la serie tv prodotta dalla Ston Rogow Production in associazione con Disney Channel, riesce a dipingere un quadro assolutamente realistico del mondo dei teen-ager, illustrandone i sogni e i dubbi, i piccoli conflitti con i genitori e le prime cotte, con uno stile sostenuto da un grande umorismo, capace di far riflettere sui diversi temi dell'adolescenza con deliziosi siparietti di animazione dove la protagonista si trasforma in cartoon per dare una propria interpretazione della vita e dire tutto ciò che la timida Lizzie in carne e ossa non riesce proprio a dire. Molte scene, infatti, presentano uno stile fumettistico, con accelerazioni del ritmo, dialoghi vivaci e situazioni di grande comicità.