Immagine testata

FEMMINE CONTRO MASCHI

Continua a leggere
in onda sugiovedì ore 21.00

Uscirà nelle sale cinematografiche venerdì 4 febbraio l'ultimo film di Fausto Brizzi ma i telespettatori di Mediaset Premium ne avranno una gustosa anticipazione già giovedì 3: a partire dalle 21.00 infatti Premium Cinema trasmetterà le scene più divertenti della pellicola in esclusiva assoluta.

Come nel precedente "Maschi contro Femmine", anche questa seconda commedia incentrata sull'eterno conflitto tra i due sessi è a episodi. Le scene delle tre trame principali si avvicendano di continuo, toccandosi in più punti e creando intersezioni serrate tra le storie.

Ci sono Marcello (Claudio Bisio) - un chirurgo plastico tutto d'un pezzo - e Linda (Nancy Brilli), ex coniugi con figli adolescenti. Sistematicamente la famiglia si riunisce per andare a trovare la mamma di Marcello, nonna Clara (Wilma De Angelis), anziana e cardiopatica, che nulla sa della del fatto che la famiglia si sia divisa. Quando il medico le comunica di aver solo un mese di vita, l'unico suo desiderio è quello di trascorrere il poco tempo rimastole a casa dei suoi familiari. Come farle credere che tutto sia a posto?

Poi c'è la storia di Rocco (Ficarra), bidello in una scuola elementare e immaturo Peter Pan. Gioca al Fantacalcio, è perennemente distratto e suona in una cover band dei Beatles come se fosse l'epigono di John Lennon. La sua convivente, Valeria (Francesca Inaudi) si lamenta costantemente di lui. Il migliore amico di Rocco, Michele (Picone), che suona nello stesso gruppo, ha risolto i conflitti coniugali dicendo continuamente a sua moglie Diana (Serena Autieri) un mucchio di frottole. Quando Valeria, esausta, sbatte Rocco fuori di casa, l'esule chiede asilo all'amico, che obtorto collo lo accoglie in casa...

C'è infine Anna (Luciana Littizzetto), la classica moglie sposata con l'italiano medio, Piero (Emilio Solfrizzi), un benzinaio divertente, volgare e sempre a caccia di donne. Un giorno Piero ha un incidente che gli causa un trauma cranico con conseguente perdita di buona parte della memoria. Ad Anna tocca dunque il compito di "riformattarlo", e siccome l'occasione è ghiotta, ne approfitta per farlo secondo i propri canoni, trasformandolo in un uomo colto, casalingo, senza amici, senza passioni calcistiche, che sa essere al contempo un amante dedito alle attenzioni coniugali, un cuoco raffinato e un maggiordomo operoso. Piero però incontra per caso una sua vecchia amante, grazie a lei ritrova i suoi amici e scopre l'ordito. Fuori di sé, torna a casa e...