Immagine testata

THIS MUST BE THE PLACE

Cheyenne, ex rock star di successo, parte alla ricerca del persecutore di suo padre, un ex criminale nazista ora nascosto negli Stati Uniti. Inizia così il viaggio che cambierà la sua vita
Continua a leggere
in onda suvenerdì ore 21.15

Cheyenne (Sean Penn), ebreo, cinquantenne, ex rock star di musica goth, rossetto rosso e cerone bianco, conduce una vita più che benestante a Dublino, dove passa le giornate a seguire i suoi investimenti in borsa. La moglie Jane (Antonella Giannini) e i numerosi fan, che lo vedono ancora come un'icona, cercano di spingerlo a tornare sulle scene, ma lui, depresso e ansioso, non crede più nel potere taumaturgico del rock. 
 

Un giorno viene informato che suo padre, con cui non ha contatti da tanti anni, è in fin di vita a New York. Avendo paura di volare giunge negli Stati Uniti via nave, ma arriva troppo tardi. Attraverso la lettura di alcuni diari, scopre che il padre aveva dedicato gran parte della sua vita alla ricerca di Aloise Lange, l'ufficiale nazista che lo aveva umiliato in un campo di concentramento durante la seconda guerra mondiale. Accompagnato da un'inesorabile lentezza e da nessuna dote da investigatore, Cheyenne decide, contro ogni logica, di proseguire le ricerche...


Primo film di Sorrentino in lingua inglese, è stato presentato in concorso al Festival di Cannes 2011 e ha vinto 6 David di Donatello. Il titolo del film è un tributo alla canzone This Must Be the Place (Naive Melody) dei Talking Heads, inclusa nell'album Speaking in Tongues del 1983.


IN PROGRAMMAZIONE
Venerdì 24 agosto, ore 21.15, Premium Cinema