Immagine testata

Yves Saint Laurent

1957. Yves Saint Laurent (Pierre Niney) prende il posto del defunto Christian Dior per la prima collezione totalmente personale. Così Jalil Lespert comincia a raccontare la storia di uno dei più grandi stilisti dello scorso secolo: una vita costellata di successi e di momenti estremamente difficili (tra depressione, alcolici e droga) alla ricerca di uno spiraglio di luce, incarnato da Pierre Bergé (Guillaume Gallienne), compagno nella vita ma anche socio d’affari dello stilista. Questo film si fregia di essere uno dei primi biopic “approvati”: per rendere il film autentico Lespert si è ispirato al libro biografico di Laurence Benaïm, mentre la Fondazione YSL ha fornito tutti gli abiti originali del talentuoso stilista. Il risultato parla da sé: sei nomination ai premi César e un riconoscimento a Niney come miglior attore protagonista; ma valgono anche le lacrime di commozione di Pierre Bergé al termine della premiere del film.

Continua a leggere
in onda suGIO 2 AGO alle ore 21.15

Non perdere i film e le anteprime del grande cinema di Mediaset Premium