GIULIO CESARE

Nel 44 a. C. Giulio Cesare viene nominato dittatore. Diventa così una figura troppo scomoda e attorno a sè trova solo gente ostile...

Nel 44 a.C. Giulio Cesare (Marlon Brando), che ha nelle sue mani tutti i poteri militari e civili, viene nominato dittatore perpetuo. La sua eccessiva potenza gli ha messo contro molti nemici e l'ostilità di una parte della nobiltà dà origine ad una congiura. Alla cospirazione, capeggiata da Cassio, partecipa anche il giovane Marco Giunio Bruto, che ha sempre goduto il favore e la protezione di Cesare.

Alle Idi di Marzo, Cesare viene assalito dai congiurati nella curia e cade trafitto da 23 pugnalate. Compiuto il delitto, i congiurati tentano di sollevare il popolo, ma i loro retorici discorsi lasciano indifferenti le masse. Intanto Marco Antonio, discepolo ed amico di Cesare, accende lo sdegno contro gli assassini, mentre anche le legioni si schierano dalla sua parte.

I congiurati fuggono e riescono a raccogliere in Oriente un piccolo esercito. In Tracia, a Filippi, l'esercito repubblicano viene battuto: Cassio e Bruto si uccidono.

Dettagli

  • generedrammatico
  • durata125'
  • anno1953