HARRY A PEZZI

Harry è uno scrittore di mezza età, in crisi depressiva e affetto dalla "sindrome del foglio bianco". Il viaggio verso la sua ex università è l'occasione per far emergere i nodi irrisolti della sua vita... 

Harry Block (Woody Allen) è uno scrittore in crisi, borderline con la depressione e affetto dalla più classica delle "sindromi da foglio bianco". Nella sua vita si sono accavallati sei analisti, tre mogli, una miriade di amanti: tutti regolarmente raffigurati nei suoi romanzi, tutti seccati dall'intrusività opportunistica del romanziere. Che finisce per restare solo, con i tasselli scomposti della sua biografia e una smania per l'erotismo che nasconde l'instabilità dei sentimenti. 

 

L'università che lo aveva espulso, da studente, lo convoca per conferirgli una laurea ad honorem. Harry viaggia per New York in direzione del vecchio ateneo con una prostituta di colore e un amico incrociato per caso dal cardiologo. I frammenti disordinati del suo passato si intrecciano in un flusso di ricordi, segreti imbarazzanti e intimità spiacevoli da confessare. Il bilancio della sua vita è lo specchio, tutt'altro che deformato, dei suoi romanzi.

 

Ventottesima pellicola di Woody Allen, presentata fuori concorso al Festival di Venezia. Cameo (nudo!) di Robin Williams. 

Dettagli

  • generecommedia
  • durata99'
  • anno1997