HARRY POTTER E L'ORDINE DELLA FENICE

Nel quinto capitolo della saga ideata da di J.K. Rowling, Harry verrà a conoscenza di una profezia sconvolgente che deciderà il suo destino

Sopravvissuto all'attacco dei Dissennatori, Harry Potter (Daniel Radcliffe) viene espulso da Howgarts per avere usato impropriamente la magia davanti a un babbano, il cugino Dudley (Harry Melling). L'intervento in tribunale del venerabile preside di Hogwarts, Albus Silente (Michael Gambon), fa in modo di reintegrare il ragazzo nell'istituto nonostante il parere contrario del Ministro della Magia, Cornelius Caramell (Robert Hardy), il quale non vede l'ora di sbarazzarsi del maghetto.

Silente lo introduce alla conoscenza dell'Ordine della Fenice, un gruppo di nobili cavalieri magici avversari di Voldemort (Ralph Fiennes). Mentre l'oscuro signore recluta vecchi servitori di ascendenza pura per entrare in possesso della profezia, l'esercito di Silente combatte due fronti: quello maligno e potente dei Mangiamorte e quello politico e ottuso di Caramell. Rimosso Silente dalla presidenza di Hogwarts, Harry dovrà cavarsela da solo. Con lui nuovi e giovani membri si preparano alla straordinaria battaglia che li aspetta.

Per il quinto film della serie cambiano ancora regista (il quarto dopo Columbus, Cuaron e Newell) e responsabile dello script. Se dietro alla macchina da presa viene chiamato David Yates, proveniente direttamente dalla televisione, dello script si occupa l'autore teatrale Michael Goldenberg, già sceneggiatore del "Peter Pan" di P.J. Hogan. Rispetto alle pellicole precedenti questo quinto capitolo della saga rappresenta quello della maturità, della trasformazione fisica e psicologica dei personaggi; i protagonisti sono diventati adolescenti e i loro turbamenti, le loro fantasie e le loro ansie sono del tutto nuove rispetto ai primi quattro episodi.

Dettagli

  • generefantastico/favolistico
  • durata135'
  • anno2007