I RAGAZZI VENUTI DAL BRASILE

Un cacciatore di criminali di guerra nazisti scopre che Mengele, l'angelo della morte di Auschwitz, ha clonato 94 bambini, sull'immagine di Hitler e conta di riunirli per la conquista del mondo...

Il dottor Josef Mengele (Gregory Peck), famigerato scienziato del Terzo Reich, dopo aver compiuto atroci esperimenti nei lager nazisti, prosegue, durante la latitanza in Brasile, la sua operazione di "pulizia" della razza ariana. La sua idea è quella di ricreare Hitler e, per realizzarla, ha clonato 94 bambini geneticamente identici al Fuhrer, affidandoli a famiglie accuratamente selezionate in vari paesi del mondo. Il suo piano prevede che, alla data il più possibile precisa rispetto a quanto accaduto in realtà al vero Hitler, i padri di questi bambini muoiano di morte violenta. Per compiere questi delitti, Mengele assolda una squadra composta da ex nazisti e da giovani fanatici ed inizialmente sembra che la missione abbia successo.


L'anziano ebreo Ezra Liebermann (Laurence Olivier), che insieme alla fedele moglie Esther (Lilli Palmer) continua, da Vienna, una sua battaglia contro i criminali di Hitler, insospettito dalla scomparsa, in Paraguay, di un giovane che era sulle tracce di Mengele, comincia ad indagare sui delitti. Liebermann viene a scoprire che esiste una lista delle famiglie che hanno adottato i 94 bambini e scopre che alcuni padri sono già morti in circostanze violente. Quando scoprono che Liebermann è sulle loro tracce, i capi di quella che viene chiamata "l'organizzazione dei camerati", sospendono i delitti ma Mengele, incapace di accettare la possibile fine del suo "sogno" ossessivo, decide di proseguire da solo. Sulla sua strada troverà Liebermann che lo braccherà fino alla morte. Ma un sinistro presagio rimane...

Dettagli

  • generepoliziesco
  • durata130'
  • anno1978