Paqualino settebellezze

Pasqualino Settebellezze

“Pasqualino Settebellezze” e’ un giovane proletario che vive a Napoli negli Anni Trenta. Quando una delle sue sorelle, Concettina (Elena Fiore), viene sedotta e abbandonata dal fidanzato. 

Continua a leggere

Pasqualino, nonostante la vilta’ e la codardia che lo contraddistinguono, affronta il seduttore e lo uccide smembrando il cadavere in diverse valigie da spedire in destinazioni diverse. Arrestato, tenta, inutilmente, di difendersi appellandosi al movente d’onore.
Soprannominato “Il mostro di Napoli”, Pasqualino evita la pena di morte avvalendosi dell'insanità mentale. Viene quindi condannato a dodici anni di carcere da scontare nel manicomio criminale di Aversa. Con lo scoppio della guerra, ottiene la la possibilità di estinguere la pena arruolandosi come soldato. Diserta e finisce in un lager dove, per salvarsi, finge ardente amore per la kapò del campo guadagnandosi lui stesso la posizione di Kapò. Liberato dagli Alleati, torna finalmente a Napoli dove l'attende un'altra sorpresa...


Pasqualino Settebellezze” e’ un film altalenante tra commedia, farsa e tragedia, magistralmente diretto nel 1975 da Lina Wertmuller e altrettanto magistralmente interpretato da Giancarlo Giannini. Il film riscosse un grande successo negli Stati Uniti e fu nominato per quattro premi Oscar nel 1977: Migliore Regia, Miglior Film Straniero, Miglior Attore Protagonista e Migliore Sceneggiatura Originale, ma non vinse nessuna statuetta. Le musiche del film sono di Enzo Jannacci.

Dettagli

  • generecommedia
  • durata125'
  • anno1975