Si Può Fare

Milano, primi anni 80. Nello (Claudio Bisio) è un sindacalista dalle idee decisamente progressiste per il suo tempo. Ritenuto scomodo all'interno del sindacato, a causa di un libro mal giudicato dal suo editore, viene "retrocesso" al ruolo di direttore della Cooperativa 180, un'associazione di malati di mente dimessi dalla legge Basaglia e impegnati in attività assistenziali.

Continua a leggere

Dopo le dimissioni del direttore della cooperativa, nonostante le iniziali problematiche con i pazienti, Nello impara a conoscerli e ad ascoltare le loro esperienze; determinato a sfruttare le capacità di ognuno, credendo fortemente nella dignità del lavoro, spinge ogni socio della cooperativa a imparare un mestiere per sottrarsi alle elemosine dell'assistenza, inventando per ciascuno un ruolo incredibilmente adatto alle sue capacità. Muovendosi contro il volere del medico psichiatra che li ha in cura, Nello riuscirà a reinserire nella società gli ex pazienti fra le mille difficoltà dello scetticismo generale e medico. 

"Si può fare" è un film del 2008 diretto da Giulio Manfredonia, scritto dal regista insieme a Fabio Bonifacci, autore anche del soggetto. La pellicola è ispirata alle storie vere delle cooperative sociali nate per dare lavoro ai pazienti dimessi dai manicomi dopo l'entrata in vigore delle legge Basaglia, in particolare a quella della cooperativa "Noncello" di Pordenone. 

Dettagli

  • generecommedia
  • durata123'
  • anno2008