zelig

ZELIG

New York 1928. L’uomo qualunque Leonard Zelig (Woody Allen), figlio di una matriarca e di un fallito attore yiddish, dopo una infanzia infelice è divenuto un persona ordinaria che soffre di un insaziabile bisogno di affetto.

Continua a leggere

Questo esagerato bisogno di essere amato ed eccettato ha fatto cadere Leonard, uomo senza una propria solida personalità, vittima di una malattia che si manifesta con la capacità camaleontica di assumere le sembianze somatiche, psicologiche e verbali di coloro con cui viene in contatto. Diverrà di volta in volta sempre una 'nuova persona', fino a cambiare il colore della sua pelle.
Questo desterà l’attenzione della dottoressa in psichiatria Eudora Fletcher (Mia Farrow), ma nel contempo anche quello di una sorella di Zelig che per il suo camaleontismo lo esporrà al pubblico fino a farlo divenire un redditizio fenomeno da baraccone.
Molto però deve ancora accadere...

"Zelig" è una parodia tragi-comica (denuncia del sistema americano) diretta ed e interpretata da Woody Allen nel 1983. Reali inserimenti documentaristici, seguiti ad una approfondita ricerca di materiale d’archivio, la riportano magistralmente ed idealmente agli anni venti-trenta. Presentato fuori concorso al Festival di Venezia, il film fu accolto come un capolavoro dalla critica internazionale.
Citiamo altri interpreti e personaggi: Garrett Brown (Zelig attore), John Buckwalter (Dr. Sindell), Marvin Chatinover (endocrinologo), Howard Erskine (dottore ipodermico), Stephanie Farrow (Meryl Fletcher), George Hamlin (specialista in droghe sperimentali), Paul Nevens (Dr. Birsky), Stanley Swerdlow (dietista), Marianne Tatum (Fletcher attrice), Mary Louise Wilson (Ruth Zelig), Irvin Howe, Susan Sontag, Saul Bellow, Bruno Bettelheim (se stessi).

Dettagli

  • generecommedia
  • durata90'
  • anno1983