Immagine testata

THE TUDORS STORY

Passione, ambizione, perfidia e tradimento: questi gli ingredienti della serie tv ambientata nell'Inghilterra del XVI secolo che Mya ripropone dalla prima all'ultima stagione

Passione, ambizione, perfidia e tradimento: questi gli ingredienti della serie tv ambientata nell'Inghilterra del XVI secolo che Mya ripropone dalla prima all'ultima stagione
Continua a leggere
in onda su

Passione, ambizione, perfidia e tradimento sono gli ingredienti salienti di questa serie a sfondo storico incentrata sui primi anni di regno di re Enrico VIII (Jonathan Rhys-Meyers), succeduto al trono all'età di diciannove anni. Interessato ai propri affari privati piuttosto che a quelli di stato, il giovane Enrico delega le noiose questioni ufficiali al potente cardinale Thomas Wolsey (Sam Neill).

Arduo e sgradito compito per la ristretta cerchia di intimi - tra i quali la seconda moglie Anna Bolena (Natalie Dormer), l'integerrimo sir Thomas More (Jeremy Northam), il duca di Norfolk (Henry Czerny) e lo stesso Wolsey - servire e riuscire a mantenere i favori di un sovrano tanto egocentrico e umorale...

Interamente scritta Michael Hirst e trasmessa sul canale Showtime, la serie televisiva composta da quattro stagioni ha esordito negli USA nell'aprile 2007 raccogliendo in media il triplo degli ascolti del canale.

Se il consenso di pubblico si è rivelato al di là di ogni più rosea aspettativa, la critica si è mostrata entusiasta: il "New York Post" ne ha tessuto le lodi, specificando come "The Tudors contiene il sesso e le nudità più espliciti nell'odierna tv americana: sembra più una soap che un dramma storico, ma questo non significa che non sia un grande prodotto". Non da meno il "New York Times", che l'ha definita "Meravigliosa: i set (di Tom Conroy, ndr) e i costumi (di Joan Bergin, ndr) sono magnificenti, la regia luminosa e ricca, la sceneggiatura accattivante e deliziosa".

Mya ripropone tutte e quattro e stagioni della serie tv. Ogni giovedì, in prima serata, un doppio appuntamento.