Immagine testata

MONK 7

Continua a leggere

Ritroviamo nella settima stagione Adrian Monk (Tony Shalhoub), ex-detective della squadra omicidi affetto da una serie di manie ossessivo-compulsive scatenatesi in seguito alla tragica uccisione della moglie Trudy ed a causa delle quali e' stato esonerato dal suo incarico.

Monk collabora tuttora col distretto di polizia di San Francisco in qualità di consulente, con la speranza di convincere infine il suo ex-capo, il capitano Leland Stottlemeyer (Ted Levine), a reintegrarlo nelle sue mansioni. Il capitano nutre una stima incondizionata nei confronti di Monk, apparentemente burbero è invece protettivo nei suoi confronti ma sempre combattuto nell'accettare tutte le sue stranezze derivanti dal suo comportamento.

Adrian Monk è aiutato nelle indagini dalla sua infermiera-assistente Natalie Teeger (Traylor Howard), una dolcissima vedova madre dell'adolescente Julie (Emmy Clarke). Natalie instaura subito un rapporto affettuoso con lui ed il suo intervento spesso è decisivo sulla risoluzione dei casi.

Ricordiamo infine il ruolo svolto dall'ingenuo e goffo tenente Randall "Randy" Disher, (interpretato da Jason Gray-Stanford) assistente del Capitato Stottlemeyer.

Il disordine psicologico di cui soffre Monk lo porta ad avere un timore abnorme verso germi, altitudine, folla e quant'altro che può costituire secondo lui una minaccia alla sua già limitata routine quotidiana, ecco perché si sottopone a frequenti sedute psicoanalitiche dal Dr. Neven Bell (Hector Elizondo) che lo aiutano a superare molte delle sue paure, trasformandole in sfide, durante la soluzione di un caso.