Robotboy: storia, sigla e personaggi

Giunto sul piccolo schermo da quasi dieci anni, Robotboy non ha fatto alcuna fatica a esercitare un fascino quasi magnetico su milioni di bambini.

Le avventure del piccolo robot Tommy - che a seconda delle esigenze può trasformarsi in un comune giocattolo o diventare il miglior amico del protagonista - ricalcano in modo magistrale una strada battuta da alcuni illustri predecessori, sintetizzando il tutto in modo efficace. A cominciare dalla sigla, che ricorda i giochi arcade delle console anni '90, passando per il rapporto che ogni bambino ha con il suo giocattolo preferito, tema centrale di Toy Story uno dei film-cartoni animati della nuova generazione di maggior successo.

Gli episodi in italiano di Robotboy sono sbarcati in Italia nel 2006, dopo aver fatto il loro esordio negli Stati Uniti l'anno precedente, e raccontano una storia nella storia divisa in ben 52 episodi. La serie, come anticipato in precedenza, ricorda vagamente il mondo dei giocattoli ideato da John Lasseter nel 1996 in Toy Story, con buoni da una parte e cattivi dall'altra incastonati nel regno della fantasia.

I disegni e le animazioni sono essenziali, molto più simili a quelli ammirati in 'South Park' piuttosto che nei cartoni di Disneyana memoria, uno stile che negli ultimi anni si è fatto largo tra le nuove generazioni. Robotboy è un piccolo robot, creato dal professor Moshitmo, che vive in due universi paralleli: il suo mondo, nel quale ha paura di venir rapito dall'arci-nemico il prof., il Dr. Kamikazi assieme al suo braccio destro Constantine, con l'intento di utilizzarlo per dominare il pianeta e quello del suo piccolo proprietario, Tommy Turnbull, un bambino di dieci anni.

Tommy ha un fratello, Donnie, che si atteggia da duro e attorno al suo personaggio ruotano sia Lola, perdutamente innamorata di lui che Gus, il suo miglior amico in carne ed ossa, un bimbo dai capelli rossi che non teme affatto gli scontri verbali. Il professor Moshimo affida Robotboy a Tommy nel tentativo di aiutarlo a diventare un vero ragazzo, per paura che possa cadere in mani sbagliate, come quelle del Dr.Kamikazi, un autentico genio del male.

Robotboy ha anche un antagonista molto simile a lui, Protboy, creato sempre dal Dr. Moshimo ma privo di umanità. Protboy, dopo esser finito tra le mani del Dr.Kamikazi il quale ne riprogramma i circuiti per farlo diventare cattivo, viene sconfitto proprio da Robotboy dopo una lunga serie di battaglie. Assieme a loro nelle varie puntate compaiono tanti altri personaggi, tra cui Kurt, un bullo che frequenta la scuola assieme a Tommy, Claus Von Afonzügel, un uomo molto debole che cerca a tutti i costi di impossessarsi degli arti di Robotboy per aumentare la sua forza e vendicarsi delle umiliazioni subite e Ludwing, il suo scagnozzo.

Dwight e Debbie Turnbull sono i genitori di Tommy, che deve guardarsi anche da Bjorn Bjorson, un ragazzo norvegese geloso della creazione del prof. Moshimo, che progetta un robot con le stesse potenzialità chiamato Bjornbot, una sorta di suo sosia robotico. Tra gli antagonisti compare anche il Generale Yakitori, un ibrido con parti del corpo meccaniche che prova a catturare Robotboy fallendo puntualmente. Insomma, azione e fantasia non mancano di certo in questa saga prodotta da Alphanim in collaborazione con France 3, Digital Emation, Lux Animation e Cofinova 1, trasmessa da Cartoon Network Europe a partire dal 2006 e ora in esclusiva per gli abbonati di Mediaset Premium.

Continua a leggere