Immagine testata

Finale Champions League 2016: news e curiosità

Milano si sta vestendo a festa in queste ore per accogliere nel miglior modo possibile la finale di Champions League 2016 che vedrà contrapposte il Real e l'Atletico Madrid, un derby tutto madrileno che si verifica per la seconda volta nell'ultimo atto della Champions, a distanza di soli due anni. Era, infatti, il 2014 quando “blancos” e “colchoneros” si sono ritrovati gli uni di fronte agli altri nella partita più importante della stagione calcistica per le squadre di club.

Per gli uomini di Simeone l'occasione della rivincita è arrivata piuttosto in fretta: la finale di due anni fa fu quanto meno rocambolesca per l'Atletico, in vantaggio per quasi tutto l'incontro e poi beffato allo scadere dal gol del pareggio di Sergio Ramos. Nei tempi supplementari il Real dilagò andando a vincere per 4-1 e sollevando al cielo la tanto agognata “Decima”, la Champions League numero dieci della sua gloriosa storia, inseguita dal lontano 2002 e mai raggiunta per oltre un decennio nonostante le ingenti spese sul mercato.

Sulla sponda Real in soli due anni è cambiato tanto: non c'è più l'allenatore che guidò i “Blancos” al successo, ovvero Carlo Ancelotti, cacciato con fin troppa fretta dopo una stagione di successi “minori” per far spazio a Benitez. La scelta criticata da stampa e tifosi si è rivelata errata, tanto che dopo pochi mesi anche il tecnico spagnolo è stato fatto fuori a causa dei risultati non convincenti e dello scarso feeling con lo spogliatoio (e in particolare con alcune stelle del Real, su tutti Cristiano Ronaldo).

Sulla panchina della “Casa Blanca” ora siede Zinedine Zidane, che si è guadagnato sul campo la finale di Champions League pur sapendo di essere quasi condannato a vincere se vuole “salvare” la stagione del Real Madrid, società obbligata a portare a casa almeno un trofeo importante a stagione. Un match che si preannuncia caldo e non solo perché si tratta di un derby cittadino: a Milano il Real vuole continuare la sua tradizione vincente in Europa, l'Atletico sollevare la prima Champions della sua storia, contro il più odiato dei rivali e cercando di riscattare la sfortunata finale 2014.

Per quel che riguarda gli orari della Champions League, la finale si giocherà nel classico orario delle 20:45, momento in cui l'arbitro inglese Mark Clattenburg fischierà il calcio d'inizio del match. Le nove meno un quarto sono ormai da molti anni il tradizionale orario della Champions League, il momento in cui hanno inizio le partite sin dalla fase a gironi e per tutto il percorso che, attraverso le sfide ad eliminazione diretta, porta all'atto conclusivo della competizione. Da calendario, quindi, l’appuntamento per gli appassionati è fissato per sabato 28 maggio allo stadio Meazza di Milano.

La partita di Champions League sarà trasmessa in Italia da Mediaset Premium e per la prima volta in assoluto sarà visibile sul digitale terrestre con la tecnologia del 4K, ad altissima definizione. Un'occasione unica per vedere all'opera gli assi del Real Madrid e le loro giocate spesso straordinarie, da Ronaldo a Bale, passando per James Rodriguez e Isco, e per apprezzare la ferrea organizzazione dell'Atletico Madrid, che fa della disciplina, dell'applicazione assoluta e del sacrificio di tutti i suoi uomini in campo il proprio punto di forza.

Due avversarie praticamente agli antipodi sul piano tattico e tecnico, ma una soltanto sarà la vincitrice al termine del match e potrà alzare al cielo di Milano l'ambita “coppa dalle grandi orecchie”, oggetto del desiderio di tutte le società di calcio del Vecchio Continente.  

Continua a leggere