Immagine testata

Risultati di calcio: Champions League, ora si fa sul serio!

Vietato sbagliare. È questo il leit-motiv che accompagna le squadre approdate agli ottavi di finale della Champions League, competizione più prestigiosa d'Europa. L'urna di Nyon ha espresso i suoi verdetti e ora non resta che attendere la seconda metà di febbraio per stabilire chi riuscirà a passare il turno. Gli occhi sono puntati ovviamente sul Barcellona, campione in carica e squadra da battere sotto ogni punto di vista, ma a ben guardare gli uomini di Luis Enrique non saranno l'unica corazzata a far tremare mezza Europa. Bayern Monaco e Real Madrid sono tra le favorite assieme ai blaugrana per la vittoria finale, ma attenzione alle altre contendenti: dal Manchester City all'Atletico Madrid, passando per il Paris Saint Germain, il Chelsea e la Juventus, vice campione d'Europa, la concorrenza è tanta.

Assieme a loro ci saranno diverse outsider, come Gent, Wolfsburg, Dinamo Kiev e altre squadre dal potenziale esplosivo come il Benfica, la Roma, l'Arsenal lo Zenit San Pietroburgo e il PSV Eindoven. Insomma non sarà facile per nessuno. Ma vediamo ora i risultati di calcio della Champions League entrando nel vivo delle performance.

Continua a leggere

Risultati di calcio - Champions League: curiosità e aggiornamenti

Alle italiane piace complicarsi la vita prima di accedere agli ottavi. Nelle ultime sette edizioni, infatti, solo in tre occasioni un'italiana è riuscita a chiudere in testa il proprio girone: la Juventus nella stagione 2012-2013, l'Inter nel 2011-2012 e la Fiorentina nel 2009-2010.

Tuttavia, nello stesso arco di tempo, le nostre squadre sono riuscite quasi sempre a raggiungere la fase ad eliminazione diretta, tranne la Roma nel 2014-2015, il Napoli nel 2013-2014 (che venne eliminato per differenza reti nonostante i 12 punti conquistati nel girone) e la Juventus nel 2009-2010. In quattro occasioni però, la squadra che ha raggiunto i preliminari di Champions ha perso lo scontro decisivo e non ha preso parte ai gironi: la Lazio quest'anno, il Napoli nella scorsa stagione e l'Udinese per ben due volte di fila nel 2012-2013 e nel 2011-2011.

Il capocannoniere attualmente in carica è Cristiano Ronaldo con 11 reti messe a segno. Un ruolino di marcia impressionante pari a quasi due gol a partita per il miglior marcatore di sempre della Champions League. Da notare che le unici reti siglate nella fase a gironi sono relative solamente a quattro incontri sui sei totali: Ronaldo infatti è riuscito a segnare una tripletta, due doppiette e un poker al malcapitato Malmo proprio nell'ultima giornata. Inoltre l'infortunio di Messi gli ha permesso di consolidare la leadership nella classifica generale con 89 reti segnate in 125 incontri e una media di 0,71 gol a partita.

A dimostrazione del grande equilibrio e del livello generale delle formazioni partecipanti, nessuna squadra è riuscita a chiudere il girone a punteggio pieno. Negli ultimi sette anni l'impresa è riuscita solamente al Real Madrid in due occasioni, lo scorso anno e nella stagione 2011-2012. In entrambi i casi i 'blancos' si sono fermati alle semifinali.

Dal 2007 a oggi il Barcellona ha sempre raggiunto almeno le semifinali, eccezion fatta per l'edizione 2013-2014 nella quale venne fermato dall'Atletico Madrid poi giunto in finale. Nello stesso anno il Real Madrid riuscì finalmente a centrare la 'decima' battendo i 'cugini' dell'Atletico per 4 – 1.

Zlatan Ibrahimovic è uno dei pochi top player a non aver mai sollevato la 'coppa con le orecchie'. Il campione svedese, infatti, nonostante possa vantare ben dieci scudetti in carriera (di cui uno revocato quando militava nella Juventus) in quattro paesi diversi e innumerevoli riconoscimenti individuali ha sempre mancato il grande appuntamento. Ironia della sorte sia l'Inter che il Barcellona dopo la sua partenza sono diventate Campioni d'Europa. Ibra ha messo le mani anche sulla Coppa del Mondo per Club (il mini-torneo che disputa la vincitrice della Champions) ma solamente perché la sua squadra di allora (il Barcellona) era salita sul tetto d'Europa l'anno prima.