Immagine testata

Sorteggi Champions League 2016

Non solo partite: i sorteggi della Champions rientrano senza dubbio fra i momenti più emozionanti della competizione, dove i sogni dei tifosi possono spiccare il volo oppure scontrarsi con la dura realtà.

La massima competizione europea in ambito calcistico è entrata nella sua fase più calda e avvincente: a partire dagli ottavi di finale le sfide sono ad eliminazione diretta a stabilire chi raggiungerà la finalissima della Champions League 2016. Ma da qui a maggio – e all'evento conclusivo in programma allo stadio “Meazza” di Milano – non sarà soltanto il campo a delineare il futuro dei club ancora in corsa, bensì pure i sorteggi che in Champions sono sempre seguitissimi dagli appassionati e, come tutte le partite, vengono trasmessi da Mediaset Premium.

In questa edizione della Champions sono state introdotte diverse novità e dunque sono state modificate anche alcune regole riguardanti i sorteggi; il Comitato Esecutivo dell'Uefa ha stabilito che la vincitrice dell'Europa League (il secondo torneo continentale) ha diritto a partecipare alla Champions League della stagione successiva e di conseguenza è stato aumentato il numero massimo di squadre che una nazione può eventualmente portare in Champions League, da 4 a 5 (questo vale però solo per quelle che sono nei primi tre posti del ranking UEFA).

Tali modifiche hanno comportato una variazione nella formula del sorteggio Champions della fase a gironi (che si tiene in genere a Montecarlo, a fine agosto), che riguarda in particolare la prima delle fasce in cui il sorteggio è suddiviso, alla quale da questa stagione appartengono le squadre campioni nei sette tornei europei con il più alto coefficiente Uefa relativo alle nazioni (dunque Primera Division spagnola, Premier League inglese, Bundesliga tedesca, Serie A italiana, Primeira Liga portoghese, Ligue 1 francese e Prem'er Liga russa) a cui si aggiunge la squadra detentrice della “Coppa dalle grandi orecchie”.

Nel caso in cui quest'ultima sia anche vincitrice nel proprio torneo nazionale (com'è accaduto quest'anno con il Barcellona), viene ammessa nella prima fascia la squadra campione dell'ottavo torneo nazionale secondo il coefficiente Uefa per nazioni (in questo caso l'olandese Eredivisie). Ecco spiegato perché i club spagnoli presenti all'inizio di questa edizione della Champions erano 5.

Al termine della fase a gironi, si qualificano due squadre per ogni gruppo – per un totale di 16 club - che prendono parte alla seconda fase della competizione, svoltasi a febbraio con gli ottavi di finale. Il meccanismo dei sorteggi degli ottavi di Champions (avvenuti a Nyon a metà dicembre 2015) prevede che le prime di ogni girone affrontino le seconde classificate, con due restrizioni: non possono affrontarsi club della stessa nazione e quelle squadre che già si sono incontrate nella fase a gironi. Dagli ottavi di finale in poi, la Champions League entra nella fase ad eliminazione diretta, con partite di andata e ritorno sino alle semifinali.

Concluse le sfide degli ottavi di finale, tornano protagoniste le urne dei sorteggi per delineare i quarti: a partire da questa fase non ci sono più restrizioni e possono affrontarsi tra loro anche le squadre che appartengono alla stessa nazione. Il sorteggio di Champions League relativo ai quarti di finale si terrà il prossimo 18 marzo sempre a Nyon.

L'ultimo turno di Champions che viene sorteggiato sono le semifinali, in cui rimangono in corsa quattro squadre. Rispetto a qualche anno fa la formula è diversa: in passato, infatti, era previsto un sorteggio in meno visto che gli accoppiamenti di quarti e semifinali venivano sorteggiati insieme. Il sorteggio delle semifinali è previsto per il 15 aprile a Nyon e le due vincitrici si troveranno poi di fronte nell'emozionante atto finale (che si gioca in una partita unica) che stabilirà chi si porterà a casa il prestigioso trofeo inseguito per nove lunghi mesi.

Continua a leggere